Neil Peart

Ne è passata di acqua sotto ai ponti, da quando Max Roach fu tra i primi batteristi a sperimentare gli assoli con tempi ternari… All’epoca, alla fine degli anni ’50, pareva impossibile “swingare” a tempo di walzer…

Be’, guardate qua cosa fa Neil Peart… 🙂

Annunci

There are no comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: